Prada: un opening a Singapore e buone notizie sul fronte occupazione

Prada ha inaugurato oggi, a Singapore, il suo più grande flagship store nell’area Asia Pacific. Il gruppo ha inoltre annunciato il rientro anticipato dei lavoratori dalla cassa integrazione, che si sarebbe dovuta protrarre per altre tre settimane. A partire da lunedì 26, il personale dello stabilimento di Valdarno ha ripreso gradualmente la propria attività.
Il provvedimento, riguardante 250 lavoratori dei due stabilimenti aretini della ex Lamos e della ex Gma (vedi anche fashionmagazine.it del 9 ottobre 2009) è stato rivisto alla luce degli ordini della campagna vendite primavera-estate 2010, che hanno superato del 10% le previsioni di budget.
Un segnale positivo per l’azienda, che oggi, a Singapore, ha dato il via a un nuovo flagship store all’interno del mall Ion Orchard. Progettato come tutti gli altri spazi Prada dall’architetto Roberto Baciocchi, la location ha una superficie totale di 1.200 metri quadrati su due livelli e ospita le collezioni di abbigliamento, borse, accessori e calzature per la donna e l’uomo.
L’estesa facciata è realizzata in lame di alluminio, alternate con finiture in titanio e oro lucido. L’ingresso è inserito tra due ampie vetrine, che offrono la visione dello spazio intorno, focalizzando l’attenzione sull’importante scala in marmo nero che conduce al primo piano.
Gli elementi distintivi dei negozi Prada nel mondo (pareti in tela verde pastello e moquette beige) sono inoltre abbinati a materiali preziosi e tocchi di colore negli arredi. Completano il progetto banchi espositivi in cristallo e acciaio e divani in velluto lilla e castorino.
m.g.
stats