Presentata oggi a Palazzo Marino l'iniziativa "Milano crea impresa"

Oggi il sindaco del capoluogo meneghino Letizia Moratti e l’assessore all’Innovazione, Ricerca e Capitale Umano Luigi Rossi Bernardi hanno presentato il progetto "Milano crea impresa - La rete degli incubatori nella città di Milano". A illustrare il prossimo Fashion Incubator Mario Boselli, presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana.
L’amministrazione di Palazzo Marino, in collaborazione con Università, Cnr, Assolombarda e Camera di Commercio, ha approvato un programma che prevede lo stanziamento di 6,15 milioni di euro per i cinque incubatori (della Moda, dell’Alimentazione e del Gusto, delle Biotecnologie e Scienze della Vita, Ict, Energia) on schedule nel 2009, con l’obiettivo di sostenere la nascita di nuove imprese operanti in settori cruciali per l’economia e lo sviluppo della città lombarda e creare un network - insieme ad altre realtà imprenditoriali e a istituti universitari come il Politecnico, in prima fila in molti di questi progetti - per favorire la creazione e lo sviluppo di aziende.
Per quanto concerne il Fashion Incubator, il Comune di Milano ha stanziato 800mila euro (su un costo totale stimato in 1,1 milioni di euro) come contributo allo start up di dieci fashion house, che prenderanno parte alla terza edizione dell’iniziativa promossa da Cnmi. “Tenendo conto delle difficoltà e del momento di crisi che l’economia globale sta affrontando, l’impegno del sindaco per l’Incubatore della Moda rappresenta un segnale forte di attenzione, sostegno e lungimiranza per la nostra leadership. Cnmi porta avanti con vigore e determinazione questa strategia a favore dei giovani e del far impresa”, ha spiegato Mario Boselli.
Presenti alla conferenza stampa molti rappresentanti di istituzioni, università e mondo imprenditoriale, fra cui Diana Bracco, presidente di Assolombarda e Giulio Ballio, rettore del Politecnico milanese.
d.p.
stats