Princesse tam.tam: il piano di sviluppo a livello internazionale parte da Bologna

Il marchio francese Princesse tam.tam, specializzato nella produzione di intimo, beachwear e abbigliamento per la notte, ha scelto Bologna per dare inizio a un consistente programma di aperture di monomarca a livello internazionale. Per l’Italia sono previsti altri 10 opening nei prossimi 5 anni, ma dopo quello emiliano sarà la volta della Spagna.
Perché proprio Bologna? “La location ci è sembrata estremamente rappresentativa del mercato italiano”, ha dichiarato a fashionmagazine.it Marion Bablot, responsabile comunicazione e marketing della società. “La città è densamente popolata, oltre a essere un’importante sede universitaria”, ha poi precisato senza volersi sbilanciare in merito alle prossime aperture che interesseranno il nostro Paese (è lecito pensare che Milano abbia le carte in regola per far parte dei nuovi progetti).
La boutique di Bologna, estesa su una superficie di 55 metri quadrati, è stata inaugurata il 14 maggio scorso e si trova nella centralissima via Ugo Bassi, a pochi passi dall’Ateneo. Si tratta del primo monomarca italiano ma anche del primo a livello internazionale, dal momento che il brand è commercializzato all’estero soprattutto attraverso la grande distribuzione. Dopo il capoluogo emiliano il secondo passo, ma si parla del 2004, riguarderà la Spagna.
In Francia le creazioni Princesse tam.tam sono distribuite in 75 monomarca e in svariati grandi magazzini e plurimarca. La griffe è presente in oltre 60 mercati nel mondo e realizza il 30% del proprio fatturato al di fuori dell’Esagono (il 60% è realizzato in Europa). Nel 2002 il giro d’affari si è attestato a 43,7 milioni di euro.
e.f.
stats