Procter & Gamble: fatturato e utili in rialzo grazie anche all’integrazione di Gillette

Secondo trimestre in salita per Procter & Gamble, che ha registrato nel periodo ottobre-dicembre 2005 un incremento sia del fatturato (+27%) sia dell’utile (+29%), grazie anche all’integrazione di Gillette. Un risultato al di sopra delle attese, tanto che il colosso americano ha rivisto al rialzo le previsioni per l’intero esercizio.
I ricavi di Procter & Gamble hanno raggiunto nel trimestre considerato i 18,34 miliardi di dollari, contro i 14,45 miliardi del periodo precedente, registrando una crescita del 27% che ha riguardato tutte le categorie merceologiche e tutti i mercati. A livello di bottom line invece, i profitti, che hanno toccato quota 2,55 miliardi di dollari, mettendo a segno un +29%, sono stati guidati in parte proprio dall’acquisizione di Gillette, la cui integrazione è stata completata il primo ottobre scorso.
In particolare, le vendite del settore bellezza, pari a 5,37 miliardi di dollari, hanno mostrato un balzo in avanti del 7%, mentre quelle legate all’igiene della famiglia sono salite del 29%, a quota 2,64 miliardi di dollari, grazie al buon andamento di Gillette Oral Care. Più contenuto l’incremento della categoria rivolta alla cura dei bambini il cui giro d’affari, salito solo del 2%, ha totalizzato 3,04 miliardi di dollari.
Visti i risultati raggiunti nel secondo trimestre, i vertici di Procter & Gamble puntano a chiudere l’anno fiscale con un incremento del giro d’affari che si aggira intorno al 18-20%.
v.s.
stats