Profitti semestrali in picchiata per Isetan Mitsukoshi

La competizione delle catene low cost e la bassa propensione all’acquisto dei giapponesi hanno colpito duramente Isetan Mitsukoshi Holdings Ltd., che ha registrato nel primo semestre dell’anno fiscale profitti netti in calo del 65,9% a 4,16 miliardi di yen (circa 31 milioni di euro) e una perdita operativa di 425 milioni di yen (3,15 milioni di euro).
Come riportano diverse fonti di stampa, nei sei mesi chiusi lo scorso 30 settembre la società nipponica di department store ha totalizzato vendite complessive per 617,1 miliardi di yen (4,57 miliardi di euro), in contrazione del 12,5% rispetto all’analogo periodo del 2008. Come altri player del settore, anche il gruppo formato dai grandi magazzini Mitsukoshi e Isetan sta ridimensionando il proprio retail network, tagliando le unità meno redditizie (vedi anche fashionmagazine.it del 2 settembre 2009 e del 6 ottobre 2008): riguardo all’attività della prima insegna, sono stati chiusi in maggio due punti vendita e altri 11 dovrebbero abbassare le saracinesche entro il termine del fiscal year, il prossimo 31 marzo. Stesso destino per uno store di casa Isetan.
Il colosso della distribuzione prevede, per l’intero anno fiscale, un risultato operativo in picchiata dell’89,8% a 2 miliardi di yen, circa 14,8 milioni di euro. In calo anche i ricavi a 12 mesi, che dovrebbero scendere dell’8,9% a 1.300 miliardi di yen (9,6 miliardi di euro).
d.p.
stats