Progetti in cantiere per Villa Moda

A breve saranno una decina i Villa Moda nel Middle East: le prossime aperture sono due a Dubai, una in Bahrein e una in Qatar. Ma non sono le uniche novità del vulcanico sceicco Majed Al-Sabah: una per tutte, il "branded dishdasha" (la tipica tunica lunga maschile bianca mediorientale). Ci sta già lavorando con Tom Ford.
Majed Al-Sabah fondatore di Villa Moda, insegna di empori del lusso ma ormai anche think tank di varie attività, era a Milano per il Salone del Mobile a cercare spunti per uno dei suoi (tanti) nuovi progetti: un boulevard del lusso all’interno del DIFC Dubai International Financial Centre, open air (fatto raro per l’Emirato, popolato di enormi shopping mall coperti) ma rinfrescato da un sofisticato sistema di condizionatori, essenziale per il clima torrido della regione.
Qui convivranno boutique di moda, una galleria d’arte e ristorazione di alto livello. Gli spazi dedicati ai luxury brand saranno affiancati da installazioni di artisti internazionali e da ricercati punti di ristoro. “Il progetto globale sarà operativo dal prossimo autunno - annuncia Majed Al-Sabah - ma già ora stiamo aprendo i primi monomarca di Marni e Dries Van Noten. Seguiranno gli store multimarca uomo e donna e poi le boutique di Vivienne Westwood, Issey Miyake, Nina Ricci, Maison Martin Margiela, Prada e Miu Miu, mentre la galleria verrà completata in ottobre”.
Il DIFC ospiterà anche un boutique hotel, che ha affidato a Majed Al-Sabah la creative direction delle 33 penthouse: “Saranno tutte ‘fashion branded’, ovvero personalizzate da uno stilista - anticipa - non solo per l’arredo ma anche per i dettagli, pantofole, biancheria, frigobar, persino il cioccolatino della buona notte. E tutto sarà acquistabile. Ne sto già parlando con Alber Elbaz, Consuelo Castiglioni, Stefano Pilati, Goyard…”.
In arrivo questa estate un altro opening su Dubai nel Dubai Festival City. Disegnato da Jaime Hayon, anche questo store sarà focalizzato sulla contaminazione tra arte, moda e food ma diverso da ogni altro Villa Moda: sarà così pure per quello che debutterà in luglio in Bahrein, progettato da Marcel Wanders, e per il prossimo in apertura in Qatar.
Intanto Majed Al-Sabah sta già buttandosi in un altro progetto. “Il branded dishdasha (tipica tunica lunga maschile bianca mediorientale, ndr): ci sto già lavorando con Tom Ford”.
L’intervista completa sarà pubblicata sul numero di Fashion in uscita il prossimo 16 maggio, che conterrà uno speciale Emirati Arabi in italiano e inglese.
c.mo.
stats