Pubblicità e carta stampata: è Prada la griffe più "spendacciona"

161 milioni di euro: è in crescita del 7,7% rispetto all’anno precedente il valore degli investimenti pubblicitari sulla carta stampata italiana, totalizzato dalle griffe del lusso mondiale nel 2007. La casa di moda top spender? Prada, seguita da Gucci e Dior.
Secondo un’indagine incrociata condotta da Pambianco Strategie di Impresa su 50 marchi della fascia luxury e 59 testate nazionali (quotidiani, settimanali e mensili) la maison guidata da Patrizio Bertelli ha speso 10,1 milioni di euro in advertising in tutto il 2007 (+41,5% rispetto al 2006), ricoprendo il 6,3% del totale dei top brand presi in esame.
Seguono a ruota Gucci, con poco più di 8,5 milioni d euro (il 5,3% del totale, in aumento del 34,1%) e Dior, che ha investito nella Penisola 8,3 milioni di euro (+9,1%, pari al 5,2% del fatturato globale di pubblicità).
Gli impieghi pubblicitari più consistenti sono stati indirizzati al settore profumeria e beauty, in sviluppo del 14%, con un investimento pari a 40,1 milioni di euro (24,9% del totale).
Al secondo posto si piazza l’abbigliamento femminile, con 26,6 milioni di euro, mentre in terza posizione si trovano le griffe specializzate in pelletteria.
m.g.
stats