Puma chiude un trimestre da record, ma da fine anno alza i prezzi del 10%

Puma ha registrato un giro d’affari record nel secondo trimestre di quest’anno, grazie alle vendite in Asia e America Latina e ha confermato l’obiettivo di superare i 3 miliardi di fatturato nel 2011. Ma a partire dal quarto trimestre dell’anno prevede un aumento dei prezzi dei propri prodotti.
Quanto ai numeri, nel periodo preso in esame i ricavi del marchio controllato da Ppr hanno raggiunto quota 674 milioni di euro, in crescita del 14,1%. L’utile netto è salito a 37,6 milioni di euro (+10,6%), mentre l’ebit si è attestato a quota 55,4 milioni di euro.
Nonostante le vendite record, il gruppo di abbigliamento e accessori per lo sport in questi ultimi mesi ha dovuto confrontarsi con una crescita dei costi delle materie prime e dei salari che lo hanno portato a prevedere un aumento dei listini a partire dal quarto trimestre di quest’anno. Il nuovo ceo del gruppo tedesco, Franz Koch, ha confermato che l’incremento potrebbe essere anche del 10% su alcune tipologie di prodotto.
Tornando ai dati di bilancio, nel primo semestre del 2011 Puma ha registrato ricavi per 1,44 miliardi di euro, in crescita dell'11,4%, mentre gli utili sono saliti a 106,6 milioni (+8,2%).
a.bi.
stats