Puma: nell’ultimo quarter raddoppiano i profitti, ma calano i ricavi

Il gruppo dello sportswear Puma ha realizzato nel quarto trimestre del 2009 un raddoppio dell’utile netto che, grazie anche alla riduzione dei costi, ha raggiunto 16,2 milioni di euro (dai precedenti 8,1 milioni), a fronte di ricavi pari a 489,5 milioni di euro (-12,8%, con flessioni in tutti i settori merceologici, tranne gli accessori). Atteso un fatturato 2010 in linea - a valute invariate - con il 2009.
Negli ultimi tre mesi dello scorso anno, le vendite del colosso di Herzogenaurach sono arretrate in tutti i mercati: -10,8% nell’area Emea, -10,6% nelle Americhe e -17,7% nella regione Asia-Pacifico. A livello di prodotto, invece, la divisione footwear ha ceduto il 19,9% e l’apparel il 12,7%. In controtendenza il segmento accessori, in crescita del 36,3% rispetto all’analogo trimestre del 2008.
I ricavi a 12 mesi della società tedesca sono diminuiti del 2,5%, attestandosi a 2,46 miliardi di euro, mentre i profitti netti sono scesi del 44,9% a 128,2 milioni di euro. In questo periodo è risultata negativa la performance Emea, mercato di riferimento, con un decremento del 6,3% nel turnover (parzialmente compensato dal +2,1% delle Americhe e dal +0,8% dell’Asia-Pacifico). Il comparto footwear, motore del business, ha segnato un -7,4% e l’abbigliamento un -5,2%: anche in questo caso, solo gli accessori hanno mostrato un forte dinamismo (+46,9%).
d.p.
stats