Pvh: +4% i ricavi del primo quarter

Salgono del 4% a 1,43 miliardi di dollari le vendite trimestrali di Pvh, cui contribuiscono il +8% della controllata Tommy Hilfiger e il +7% di Calvin Klein, mentre il business Heritage Brands accusa un -3%. A causa degli effetti negativi delle oscillazioni dei cambi, le stime per l'intero anno oscillano tra un debole +1% e +2%.
Tommy Hilfiger, che nel quarter ha superato i 770 milioni di dollari di giro d'affari, dovrebbe registrare una crescita annuale tra il 2% e il 3%, dai 3 miliardi del 2011. Quanto alla fashion house Calvin Klein, che ha raggiunto i 262 milioni di ricavi nel primo trimestre, dovrebbe mettere a segno un +6% o +7%, da 1,1 miliardi dello scorso esercizio. Le attività che confluiscono sotto la voce Heritage Brands (sportswear e footwear realizzato per marchi di proprietà come Izod, ma anche in licenza) hanno visto scendere il turnover a 395 milioni di dollari e, in base a quanto stimato dal management, nei 12 mesi potrebbero subire un -4% o -5% dagli 1,77 miliardi del 2011.
Il gruppo di New York prevede alla fine del nuovo esercizio utili per azione in un range tra 6,15 e 6,25 dollari, in progresso tra il 14% e il 15% rispetto ai 5,38 dollari del 2011: un risultato che rifletterà anche un minore impatto dei prezzi delle materie prime.
e.f.
stats