Ratti chiude il terzo trimestre a 73,5 milioni (-5,7%), ebitda positivo per 2,8 milioni

Rallenta la ripresa del Gruppo Ratti. L’azienda comasca, che ha proseguito nella realizzazione degli obiettivi previsti dal piano industriale 2008-2010, chiude il terzo trimestre con un fatturato a 73,5 milioni, in flessione del 5,7% di euro rispetto ai 77,9 milioni dello stesso periodo 2007.
Il margine operativo lordo, tuttavia, è positivo per 2,8 milioni, in miglioramento rispetto all’ebitda registrato a settembre 2007 (1,8 milioni).
Il risultato operativo è invece pari a 0,9 milioni, a fronte dei 5,1 milioni del terzo quarter dell’anno precedente. La posizione finanziaria netta passa inoltre dai 28,7 milioni di fine 2007 ai 24,7 dello scorso 30 settembre, una variazione positiva, dovuta anche alla vendita di un immobile a Malnate (Va) per un valore di 7,2 milioni di euro.
In un contesto di assoluta incertezza (recita una nota ufficiale) l’azienda stima, rispetto all’esercizio precedente, “un’ulteriore contrazione dei ricavi delle vendite nell’ultimo trimestre che non permette di confermare il miglioramento previsto nel piano industriale 2008-2010”.
m.g.
stats