Reebok: nel quarto trimestre triplica gli utili

Reebok International ha realizzato utili per 16 milioni di dollari nel quarto trimestre dell'anno, valore triplo rispetto al risultato dello stesso periodo del 2001. Il nuovo marchio Rbk trainerà la ripresa negli Usa.
La brillante performance trimestrale del gruppo del Massachusetts è stata favorita da un incremento del fatturato del 15% a 763 milioni di dollari. Il marchio Reebok ha contribuito per 627 milioni, 287 dei quali derivano dalle vendite internazionali. Quasi invariati i ricavi per il brand Rockport (a 98 milioni di dollari, dai 93 del 2001), mentre segnano un rialzo del 9% (38 milioni di dollari) quelli relativi a Ralph Lauren Footwear e Greg Norman Collection.
Per l'intero 2002 i ricavi sono saliti a 3.128 milioni di dollari, in salita del 5% rispetto al 2001. Il solo marchio Reebok ha totalizzato vendite per quasi 2.600 milioni di dollari a livello mondiale.
Paul Fireman, presidente e ceo del gruppo dello sportswear, si è dichiarato soddisfatto per avere superato gli obiettivi finanziari fissati all'inizio dello scorso anno. "Il successo del 2002 si deve principalmente al lancio di nuovi prodotti, che hanno trovato il favore sia dei retailer sia dei consumatori - ha spiegato Fireman -. Molti di questi articoli sono stati supportati da programmi di marketing innovativi, soprattutto per il brand Reebok". Il marchio infatti è riuscito a imporsi anche nel mercato critico del nordamerica, soprattutto nelle specialità atletiche, dove il gruppo ha conquistato ulteriori quote di mercato. Ma il management ora punta molto sulla nuova linea Rbk, tra le candidate a favorire la ripresa del fatturato negli Usa: i prodotti "Above The Rim", lanciati nel terzo trimestre del 2002, pare abbiano ottenuto un grande successo a detta dei negozianti. Visti i consensi, i prodotti Rbk sono destinati alla diffusione sul mercato internazionale entro quest'anno.
Obiettivo del management per il 2003 è un incremento dell'utile per azione del 15%.
e.f.
stats