Rialzo a doppia cifra per il fatturato trimestrale di Columbia Sportswear Company

Le vendite globali di Columbia Sportswear Company, azienda di Portland (Oregon) specializzata nel settore active outdoor, hanno raggiunto i 152,1 milioni di dollari nel secondo trimestre dell’anno, realizzando un incremento del 22,5% rispetto allo stesso periodo del 2002 (+17,8% a parità di tassi di cambio). Per l’intero anno la crescita stimata dalla società è compresa fra il 12 e il 14%.
Il giro d’affari di periodo è migliorato in tutti i mercati di riferimento: +4,1% negli Usa, +52,8% in Canada, +37,8% in Europa e +97,4% negli altri Paesi (Russia compresa).
Il settore trainante è stato quello delle calzature (+60,8%), seguito dagli accessori (+18,4%), dall’outerwear (+13,9%) e dallo sportswear (+13,3%). La neoacquisita Mountain Hardwear (vedi fashionmagazine.it del 2 luglio), che produce abbigliamento ed articoli per le attività all'aperto, ha contribuito al turnover totale per 2,5 milioni di dollari.
Anche in fatto di utili netti la performance trimestrale ha toccato un record, come ha comunicato la stessa Columbia Sportswear Company: saliti a quota 9,4 milioni di dollari, hanno realizzato un balzo in avanti del 25,3%.
Commentando i risultati, il presidente e ceo Tim Boyle ha dichiarato di essere ottimista per le prospettive future di Columbia Sportswear Company, almeno fino alla primavera 2004, che dovrebbe beneficiare dell’introduzione di nuove linee di prodotto. La crescita dei ricavi per tutto il 2003 è stimata in un intervallo fra il 12 e il 14%, mentre gli utili dovrebbero salire del 10-12%.
e.f.
stats