Ricavi e utili in ascesa per Nike

Nel secondo quarter fiscale concluso lo scorso 30 novembre, Nike ha registrato un fatturato in aumento del 6% a quota 4,6 miliardi di dollari (+1% a tassi correnti) e utili netti pari a 391 milioni di dollari (+9% sull’analogo trimestre del precedente esercizio). Ricavi in flessione solo negli Usa.
Il gigante americano dello sportswear ha totalizzato un turnover di 1,51 miliardi di dollari negli States (-1%, mostrando solo un leggero progresso nel segmento footwear), mentre sono progredite le vendite in Europa (+6%, con un giro d’affari di 1,3 miliardi di dollari trainato dal comparto calzature e apparel), nell’area Asia-Pacifico (+22%) e nelle Americhe (+21%).
Gli ordinativi, con consegna prevista fra dicembre 2008 e aprile 2009, ammontano a 6,7 miliardi di dollari, evidenziando un incremento del 6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno fiscale (-1% a tassi correnti). Soddisfatto per i risultati trimestrali del gruppo, il presidente e ceo Mike Parker ha dichiarato: “In tempi difficili come questi, è decisamente importante rimanere focalizzati in quello che facciamo meglio: distribuire prodotti validi e innovativi, rafforzare la nostra relationship con i consumatori e portare l’eccellenza in ogni singola area del nostro business”.
d.p.
stats