Roberta: lo storico brand di intimo torna alla ribalta con Pompea

Pronto il rilancio di Roberta: lo storico marchio di abbigliamento intimo, acquistato per 5 milioni di euro da Pompea lo scorso dicembre, torna sul mercato utilizzando i canali della grande distribuzione e dell’ingrosso. La linea, come da suo Dna, avrà un’immagine giovane e colorata che non farà rimpiangere quello che fu in partenza lo "slip dei vent’anni". Altri progetti in vista per Pompea.
A progettarla, non a caso, è stata chiamata Naida Tarakcija, stilista serba che ha trasferito sul prodotto la carica dei suoi 23 anni ipotizzando un inverno in rosa, azzurro, ruche e fiorellini.
"Il ritorno di Roberta è in pratica già partito in alcuni ipermercati, ma la distribuzione vera e propria avverrà da settembre – fa sapere Paolo Braguzzi, amministratore delegato di Pompea –. Il posizionamento prezzi sarà più o meno lo stesso dell’intimo Pompea, poiché desideriamo che Roberta resti una marca popolare".
Per l’intera operazione l’azienda mantovana capitanata da Adriano Rodella investirà in sei mesi 5 milioni di euro tra campagne televisive, stampa, sponsorizzazione di eventi sportivi e, naturalmente, le affissioni che ricalcheranno la fortunata immagine degli anni Ottanta che ancora oggi, a un ventennio di distanza, due donne su tre (secondo le indagini) ricordano: una ragazza in slip vista di spalle con una lunga treccia bionda e un fondoschiena mozzafiato.
Il primo apparteneva a Rosa Fumetto, il secondo a una ancora sconosciuta Michelle Hunziker. Di chi sarà il prossimo? Tra le possibili candidate ci sarebbero Martina Stella, Alessia Marcuzzi e Valeria Mazza ma è ancora tutto da decidere, anche se in tempi stretti poiché la campagna dovrebbe partire dal primo agosto.
In contemporanea, alla Pompea si lavora anche sul lancio della collezione di intimo e calze AC Art Collection, che invece toccherà da settembre il dettaglio specializzato e i grandi magazzini, per non dimenticare la collezione Pompea Beach: una linea di costumi da bagno in vendita nei super e ipermercati a prezzi competitivi a partire da quest’estate.
Un fatturato di 157 milioni di euro, 1.950 dipendenti tra Italia ed estero, una continua espansione sui mercati internazionali sono gli elementi che fanno di Pompea una delle aziende più dinamiche del settore calze e intimo e oggi, dopo l’acquisizione di Roberta e la licenza del marchio Barbie (intimo e calze per bambine), anche il nome leader per l’intimo sul canale grande distribuzione.
m.b.
stats