Russia: come affrontare un mercato ad alto potenziale

Con l’ammissione nel G8 e il prossimo ingresso nel Wto aumentano le credenziali del mercato russo. Prospettive, opportunità e fattori di successo per l’apertura di punti vendita nel Paese: i temi clou del convegno organizzato da WR Consulting a Milano. Dall’incontro rivolto al management di aziende retail sono emerse indicazioni chiare su come sviluppare la propria rete di vendita, diretta o in franchising in Russia, uno dei mercati di maggiore attrattiva a livello mondiale insieme alla Cina. Con la recentissima ammissione nel G8, il prossimo ingresso nel Wto e la politica di stabilizzazione del presidente Vladimir Putin, la Russia si presenta con credenziali sempre più valide nei confronti degli investitori stranieri. “Si respira un clima di sufficiente tranquillità, migliorato negli ultimi tre anni, con una frequenza di sbarco delle aziende italiane più veloce del previsto”, conferma Pier Paolo Celeste, direttore Ufficio Ice di Milano. “In questo periodo la Russia sta creando forti entusiasmi, vive un momento politico favorevole e l’11 settembre ha di fatto creato una vicinanza con gli Stati Uniti e con tutta l’Europa - aggiunge Giovanni Ghersina dello studio legale Ghersina Peirano con sede a Mosca e S. Pietroburgo, oltre a Genova -. Non bisogna fidarsi dei media che spesso offrono del Paese un’immagine soltanto di mafia, malavita e prostituzione: la Russia di oggi, e in particolar modo Mosca, lavora e produce con impegno. È chiaro che si tratta di un mercato che deve essere affrontato con molta professionalità, partendo da un’efficiente analisi preliminare. C’è chi si è messo e si mette in situazioni di rischio, scegliendo partner sbagliati, ma basterebbe un’indagine, anche superficiale, per rendersene conto”. L’intervento di Maxim Karbasnikoff, associate director di Jones Lang Lasalle Moscow ha, quindi, offerto un quadro preciso del potenziale di sviluppo in Russia, soprattutto degli shopping center: a Mosca gli attuali 12 centri commerciali raddoppieranno entro il 2003. Tra gli altri relatori intervenuti al convegno organizzato da WR Consulting, società specializzata nello sviluppo di catene in retail dirette e in franchising: Piero Cassuto, direttore marketing di Sasch, Guy Ferry, responsabile dello sviluppo di Auchan in Russia, Nino Cossu, direttore dell’ufficio di Mosca della Camera di Commercio Italo-Russa e Vincenzo Chierchia, giornalista del “Sole 24 Ore”. Una sintesi del convegno verrà pubblicata su uno dei prossimi numeri di Fashion.
e.c.
stats