Safilo: il Cda approva il piano di riassetto industriale del gruppo

Il Cda di Safilo ha approvato ieri il bilancio consolidato 2008 - vendite nette in calo del 3,6% a 1,15 miliardi di euro e utili netti in flessione del 71,3% a 14,6 milioni - e il piano di riassetto industriale del gruppo. Il consiglio di amministrazione ha ritenuto opportuno non proporre la distribuzione di un dividendo.
Nell’ultimo trimestre del 2008, i ricavi della società sono arretrati dell’1,6% a 282,1 milioni di euro, mentre i profitti netti si sono assottigliati a circa 100mila euro (dai 12,3 milioni degli analoghi tre mesi 2007, vedi anche fashionmagazine.it del 13 febbraio 2009). Il Cda, sulla base dei dati 2008 e in considerazione delle delicate condizioni di mercato previste per l’anno in corso, ha dato mandato al ceo Roberto Vedovotto di ricercare le più ampie opzioni strategiche volte al rafforzamento della struttura del capitale della società (vedi fashionmagazine.it del 23 febbraio e dell’11 marzo 2009). È stato approvato un piano di riassetto, anche in risposta all’attuale congiuntura economica, che prevede la razionalizzazione delle strutture produttive, come il ridimensionamento delle attività negli stabilimenti di Precennico (Ud), Martignacco (Ud) e di Ormoz (Slovenia): un’azione volta a garantire una maggiore efficienza ed efficacia dei processi e il miglioramento della redditività industriale nel medio e lungo periodo.
Sulla scia dei risultati del quarto trimestre 2008, anche i primi mesi del 2009 sono stati caratterizzati dalle difficili performance di tutte le aree di riferimento dell’azienda padovana. In controtendenza gli occhiali dell’house brand Carrera, che continuano a registrare incrementi di rilievo.
d.p.
stats