Saint Tropez: tris di griffe in rue Sibilli

Louis Vuitton, Lanvin e Chanel: griffe accomunate dal fatto di avere investito su Saint Tropez e in particolare su rue Sibilli, la via più chic della perla della Costa Azzurra. Mentre il brand ammiraglio di Lvmh ha aperto la sua prima "Villa" al posto del precedente monomarca, le altre due maison puntano sulla formula del pop up store.
La Villa Louis Vuitton, inaugurata venerdì ed estesa su 300 metri quadri, ha inglobato la preesistente boutique, estendendosi inoltre in uno spazio adiacente, già occupato da un negozio di ceramiche.
L'ambiente è inondato di luce, grazie a grandi vetrine, alcune delle quali affacciate su un giardino interno, pavimentato con "briquette" provenzali e arricchito da piante mediterranee.
Entrando da rue Sibilli si incontra la zona dedicata alla pelletteria femminile e agli accessori, fino a imbattersi nella valigeria. Un'ampia scalinata sul lato opposto porta al reparto uomo, il cui concept evoca l'interno di una nave.
Sul lato che dà su rue Clemenceau si trovano le scarpe femminili, gli articoli in pelle e il prêt-à-porter mare, mentre un'altra scala, questa volta a spirale, conduce al salone del ready to wear donna e all'area vip.
Per festeggiare questo opening, il marchio ha creato una versione extra-large da spiaggia della shopping bag Neverfull, commissionando parallelamente allo street artist André, alias Monsieur A, una serie di disegni ispirati a Saint Tropez, riprodotti in un cofanetto a edizione limitata, disponibile solo in questo store.
In questi giorni altri due importanti nomi della couture francese sono protagonisti a St. Trop, come la chiamano gli aficionados. Infatti, sia Chanel, sia Lanvin sono sbarcati a loro volta in rue Sibilli, rispettivamente ai civici 25 e 30, con due temporary shop aperti fino a ottobre: il primo sviluppato su 120 metri quadri e il secondo su una sessantina di metri quadri.
a.b.
stats