Saks Fifth Avenue: al via il nuovo "designer floor" costato 30 milioni di dollari

Sarà inaugurato il 9 settembre il restyling del terzo piano di Saks Fifth Avenue a New York (nella foto): protagonisti 49 brand e 23 shop in shop. L’insegna americana ha chiuso il secondo trimestre in perdita, ma migliore del previsto.
“Saks è orgoglioso di presentare questo spazio inedito - commenta il chairman e ceo Steve Sadove -. Il terzo piano, pur distinguendosi dal resto del punto vendita, ne mantiene essenza e tradizione, tanto apprezzate dalle case di moda”.
A livello di concept, il third floor di quasi 5mila metri quadri - con gli shop intorno al perimetro, un’area centrale multibrand e The Fifth Avenue Club - è stato realizzato dallo studio di architetti Mancini Duffy, con la collaborazione di importanti designer come Michele Oka Doner, Zaha Hadid, India Mahdavi e Ingo Maurer.
Oltre al party di inaugurazione newyorchese, il designer floor sarà festeggiato durante la settimana della moda milanese, il 25 settembre sera, con un evento in collaborazione con WSJ. e la Camera Nazionale della Moda.
Saks continua a investire in nuovi progetti, nonostante la situazione del mercato americano permanga difficile.
La società americana - nel cui capitale figura l’imprenditore Diego Della Valle - ha chiuso il secondo trimestre 2009, a fine luglio, con perdite per 54,5 milioni di dollari (pari a 39 centesimi per azione, mentre gli analisti si aspettavano perdite per 52 centesimi per azione), rispetto al rosso di 32,7 milioni di dollari (o 24 centesimi per azione) dello stesso periodo 2008.
Il giro d’affari è diminuito del 14,5% a 561,7 milioni di dollari, dai 657 del 2008.
Su base semestrale, i ricavi sono diminuiti del 21,5% a 1,2 miliardi di dollari, mentre il passivo ha raggiunto i 59,6 milioni dai precedenti -15,3 milioni.
e.c.
stats