Salvatore Ferragamo: il brand, motore d'acquisto nel settore del lusso

Il brand resta il fattore più rilevante al momento dell’acquisto dei beni di lusso. Lo conferma una ricerca effettuata dall’Università di Firenze in collaborazione con Salvatore Ferragamo Corporate e Salvatore Ferragamo Parfums, presentata questa mattina nel capoluogo toscano.
Dall’indagine condotta dai professori Gaetano Aiello e Raffaele Convito su un campione internazionale di 1.220 intervistati di varie classi di età, con l’aiuto di un network di ricercatori attivi in diverse parti del mondo (Germania, Russia, Giappone, India, Cina-Hong kong, Usa), “si nota – commenta Michele Norsa, a.d. del Gruppo Ferragamo - che il ruolo del marchio nell’acquisto del bene di lusso prevale sia sul potere esercitato dal ‘Made in’, sia sul prezzo”.
In molti casi, il binomio brand-territorio può rappresentare un moltiplicatore di successo: così è stato per Salvatore Ferragamo, riconosciuto come marchio italiano dal 68% degli intervistati. L’origine territoriale ha permesso di rafforzare l'appeal della griffe come veicolo di valori positivi nel rapporto con il consumatore.
Un caso a sé è rappresentato del mercato giapponese per il quale, dopo il brand, il legame con il territorio (3,96 punti su 5) rappresenta un fattore secondario rispetto al prezzo (4,36 punti su 5). “Anche se – precisa Gaetano Aiello – quando si parla di lusso il costo del prodotto è sinonimo di esclusività e, quindi, più alto è il prezzo e più aumenta il valore del bene”. Gli effetti del "made in" si colgono maggiormente analizzando il comparto dei profumi (nello specifico, il caso Salvatore Ferragamo Parfums): emerge che i consumatori sono disposti a pagare un prezzo più alto per possedere una fragranza italiana o francese. Essendo questo un bene più accessibile rispetto ad altri articoli e ad alto contenuto simbolico, le aziende del lusso ne hanno fatto il perno delle proprie strategie. “Ancor di più rispetto ad altre proposte – conclude Michele Norsa - un'essenza suscita emozioni, che in molti casi si trasformano in passione per quello specifico prodotto e quindi in fedeltà”.
b.b.
stats