Samsonite lancia la divisione Footwear. Nel cassetto anche scarpe bambino, occhiali e orologi

Samsonite, leader mondiale nella produzione di borse e valigeria, ha annunciato ieri la nascita di Samsonite Footwear, divisione con cui mira a espandere il brand e conquistare il mercato globale. Sarà presieduta da Velimir Soskic - che riporterà a Marcello Bottoli, presidente e a.d. di Samsonite - e avrà headquarters a Milano.
"Abbiamo flirtato con il mondo delle calzature negli ultimi 10 anni - racconta Marcello Bottoli a fashionmagazine.it -. I risultati sono stati buoni, ma il nostro impegno fino a oggi è stato amatoriale. Abbiamo realizzato di avere un potenziale enorme nel settore calzaturiero, tale da poter estendere la nostra attività". Da qui, la decisione di fare in modo che il concept creativo dell’azienda, "Life’s a journey", potesse assumere un significato più ampio con il lancio nel segmento calzaturiero a livello globale: "Ci occuperemo di scarpe in maniera seria, attraverso la nuova divisione separata che coprirà tutto il mondo - continua Bottoli -. Partiremo con il canale wholesale, vendendo il prodotto nei multimarca e non solo nei nostri negozi e riservando grande attenzione al mercato femminile. Il prossimo step saranno gli investimenti pubblicitari in Italia e Germania, per cominciare".
La sfida, quindi, è creare la seconda gamma di Samsonite da affiancare alla prima, quella di borse e valigie: "Ci vorranno anni, perché abbiamo impiegato quasi un secolo a fare di Samsonite quello che è oggi - ammette il presidente - ma l’obiettivo a medio termine è quello di creare in cinque-sei anni un’attività significativa da 100 milioni di euro, che peserà per il 6-7% sul totale del fatturato, arrivato oggi a 1 miliardo e 300 milioni di dollari". L’Italia resterà il mercato principale: è qui che l’azienda ha il suo quartier generale, dove il cliente è più sofisticato e la realtà è strategica in termini di moda e trend setter. Insieme alla Germania, è il Paese su cui Samsonite punterà l’anno prossimo per la distribuzione del footwear. Poi sarà il turno di Spagna, alcuni Paesi dell’Europa dell’Est e, con i giusti tempi, il resto del mondo, affrontando pochi mercati alla volta ma con investimenti pubblicitari mirati, supporti adeguati e una giusta distribuzione.
"Puntiamo molto su quella che è la filosofia del marchio, ovvero la vita intesa come un viaggio" aggiunge Velimir Soskic, presidente della nuova divisione, con un passato da Benetton e Geox. "Funzionalità e comfort sono i tratti principali che ci fanno riconoscere dal nostro consumatore, valori che cercheremo di coniugare sempre di più con l’aspetto estetico - puntualizza -. Ecco perché non abbiamo bisogno di estendere enormemente la collezione di scarpe, preferendo individuare le esigenze del mercato e dedicarci a pochi pezzi molto curati, disegnati e progettati in Italia da un team di grande esperienza, perché le migliori capacità sono qui. Non ci interessa speculare, ma essere artefici di un prodotto che abbia la giusta qualità, che risponda alle aspettative e, soprattutto, abbia un ottimo rapporto qualità prezzo".
Un bell'impegno per il marchio Usa, che solo nel 2003 aveva 290 negozi mentre oggi ne conta 1.000 e che, dopo averne aperti 180 quest’anno, ipotizza un altro centinaio di opening per il 2009. Dal 2004 Marcello Bottoli, ex presidente e a.d. di Louis Vuitton, ha reso Samsonite un brand globale, deciso a trasformarlo da azienda di valigeria a realtà di soluzioni per il viaggio create per gli esigenti globetrotter moderni. Ecco perché, nel cilindro, ha in serbo altre avventure, come svela lui stesso: "Nel tempo abbiamo in previsione di occuparci anche di scarpe da bambino, di occhiali e orologi e di tutte quelle categorie che ruotano attorno al viaggio e che ci permetteranno di diversificare e rendere sempre più completa la nostra offerta".
e.b.
stats