Sap Italia: +4,5% il giro d’affari 2004 grazie alle Pmi

Sap Italia segna un +4,5% del fatturato e le Pmi aumentano il loro peso: le vendite di soluzioni dedicate alle aziende di piccola e media dimensione salgono del 25%, arrivando a coprire fra il 15 e il 18% dei ricavi totali. Il fashion risulta uno dei mercati consolidati della società guidata da Roberto Pasetti, che anche in questo comparto si appresta a nuove sfide.
Nell’ambito del settore moda, i progetti del 2005 di Sap, tra i leader mondiali nelle soluzioni software per il business, prendono in considerazione la pianificazione degli assortimenti, il livello dei servizi e la gestione del network retail. “Il canale che collega la produzione, il magazzino e i punti vendita sta cambiando moltissimo e vanno rivisti i sistemi informativi, come pure i concetti di servizio alla clientela e gestione della distribuzione”, ha spiegato Pasetti, che ieri ha presentato i risultati 2004 della unit italiana nell’ambito del Sapforum, che si chiude oggi alla Fiera di Milano.
Più in generale, per quanto riguarda le Pmi, i prossimi step di Sap vanno dalla corporate governance alle problematiche relative alla competitività, passando per la delocalizzazione. Le aziende, infatti, non devono semplicemente abbattere i costi di produzione ma razionalizzare la gestione della logistica e della catena distributiva nei Paesi in cui hanno deciso di delocalizzare.
Le soluzioni Sap evolveranno, dal 2005 in avanti, tenendo conto di una sempre maggiore integrazione fra prodotto e servizio e fra produzione e domanda.
e.f.
stats