Sarà Uman il nuovo asset di Umberto Angeloni

Uman non sarà un nuovo brand con collezioni scandite dal ritmo delle stagioni, ma "la risposta all’uomo che persegue il piacere e la cultura del dressing-up, cioè la ricerca del piacere legata all’esperienza del vestire in maniera unica e sofisticata".
Ricerca, studio, elaborazione e riflessione: sono questi i quattro pilastri sui quali il nuovo concept illustrato oggi da Umberto Angeloni fonda la certezza di raggiungere un consumatore eclettico e globale, innamorato della qualità ma aperto alle innovazioni: il “modern rich”, appunto.
La prima collezione prenderà il via in giugno a Milano e sarà presentata nella nuova concept room in allestimento in via del Gesù al numero 10, che sarà anche la sede stabile di Uman. Le proposte ruoteranno attorno a un concetto di guardaroba ideale con capi iconici, ma anche funzionali. Per la distribuzione il numero si restringe a cinque selezionati retailer nel mondo. La produzione sarà interamente affidata alla Raffaele Caruso, l’azienda di Soragna della quale Umberto Angeloni ha recentemente acquisito il 35% attraverso la holding Aplomb.
Sono ormai passati 18 mesi dall’uscita dalla Brioni, che oggi il manager ha definito “provvidenziale, perché in questo periodo è successo di tutto. Oggi siamo in un mondo nuovo. Ci troviamo di fronte a un consumatore profondamente diverso, con parametri, percezioni e priorità differenti rispetto al passato. E se parliamo di evoluzione, non si può pensare di tornare indietro: non servirà quindi tagliare i costi riducendo la pubblicità o il numero dei negozi, il cambiamento dovrà avvenire sul piano immateriale”.
t.m.
stats