Satinine e Studio Soprani: deliberata la fusione

Studio Soprani e Satinine, azienda attiva dal 1883 nel settore profumeria, hanno deliberato la fusione. Satinine, che controllava la Casa di moda, sarà incorporata in Studio Soprani e diventerà la Divisione Profumi della società. A partire dal primo gennaio 2006 Studio Soprani adotterà la denominazione iniziale voluta dal suo fondatore: Luciano Soprani.
A trasformarsi sarà anche il c.d.a. di Luciano Soprani srl, che sarà composto da Margherita Ghisleri in qualità di presidente e responsabile del marketing (figlia di Francesco Ghisleri, ex presidente Satinine e consigliere Studio Soprani), Mario Usellini (vicepresidente e amministratore delegato), Silvio Usellini (consigliere delegato per l’esportazione della Divisione Profumi), Sergio Melis (consigliere delegato per la produzione della Divisione Profumi), Luigi Ghisleri (consigliere delegato), Vittorio Petrone (consigliere delegato).
Nella prospettiva di questa unificazione, Satinine ha ceduto nei mesi scorsi il marchio Sulky, detenuto dal 1973, con il quale è stata lanciata da Soprani la nuova linea di profumi per uomo in distribuzione dal mese di settembre.
“La Luciano Soprani – spiega un comunicato divulgato della società – ha proseguito la sua crescita nel corso del 2005 e chiuderà l’esercizio in utile. Il valore retail dei prodotti commercializzati raggiungerà, alla fine dell’anno, l’importo di 49,3 milioni di euro”. “Il budget per il 2006 – prosegue – prevede una crescita del 26%, per un valore retail superiore a 62 milioni di euro”. Dove la voce abbigliamento rappresenta il 48,1%, i profumi il 29,4% e gli accessori il 22,5%.
La maison intanto si appresta a iniziare il 2006 con numerose iniziative in cantiere: nuove licenze in vista per l’intimo maschile e la maglieria e il progetto di investire nel segmento degli occhiali e degli orologi.
a.t.
stats