Semestrali Marzotto: il tessile perde il 7%

Fatturato in calo per Marzotto (dopo la scissione del settore abbigliamento), che nel primo semestre 2005 ha registrato ricavi consolidati per 147 milioni (contro i 159 dei primi sei mesi del 2004, -7%), ma ha visto un recupero dell'utile operativo, passato in un anno da 2 a 4,8 milioni. Cresce invece su tutta la linea il settore abbigliamento del gruppo (Valentino Fashion Group ex-scissione).
I ricavi consolidati del Valentino Fashion Group sono passati in un anno da 731 a 814 milioni di euro (+11%), mentre l’utile operativo ha visto un incremento del 20% (da 66 a 79 milioni), grazie a una crescita di tutti i marchi. In particolare, Hugo Boss ha registrato un progresso del fatturato del 12,6%, attestandosi a 624,3 milioni. Valentino, con 96,5 milioni di ricavi, ha registrato un aumento del 19,9% rispetto al primo semestre 2004. Più o meno stabile il fatturato di Marlboro Classics e degli altri brand, che si attestano sui 121 milioni. Buoni risultati anche per l’utile netto consolidato, aumentato del 15%.
Anche per i mesi di luglio e agosto i dati registrano un aumento delle vendite, che hanno raggiunto i 421 milioni, salendo del 19% rispetto al corrispondente periodo del 2004. Visti i risultati dei primi otto mesi dell'anno e l'andamento del portafoglio ordini, l'azienda prevede di chiudere il secondo semestre dell'anno con una crescita di ricavi non inferiore a quella dei primi sei mesi. Tenendo conto di questi dati, inoltre, anche l'utile operativo e il risultato netto consolidato del gruppo sono previsti in miglioramento nella seconda parte del 2005.
Se i ricavi del Gruppo Marzotto sono scesi, prosegue invece il recupero dell’utile operativo, più che raddoppiato rispetto al primo semestre 2004. In calo l’utile netto consolidato, sceso a 12,2 milioni di euro, con una perdita di 5,7 milioni.
Per quanto riguarda gli investimenti, 11 milioni sono andati al settore tessile, impiegati soprattutto per migliorare qualità e servizi. Il Valentino Fashion Group ha invece investito 37 milioni (contro i 26 del giugno 2004), utilizzati in particolare per l’apertura di punti vendita a gestione diretta, oltre che per l’ampliamento della sede operativa svizzera di Hugo Boss.
Secondo le previsioni del gruppo per l’esercizio in corso, il comparto laniero registrerà un incremento di redditività e una generazione positiva di cassa e il settore liniero vedrà un aumento dell’utile. Miglioramenti sono attesi anche per l'utile netto del Gruppo Marzotto rispetto al precedente esercizio.
Durante il Cda di oggi, che ha annunciato i dati pro-forma dei due settori, è stato anche predisposto il progetto di fusione mediante incorporazione in Marzotto Spa della controllata Guabello Spa. E' stato inoltre predisposto un piano di riorganizzazione societaria di Valentino Fashion Group, che prevede di incorporare le società interamente controllate da Valentino Spa e Emmeffe Srl.
g.m.
stats