Sfilate di settembre: dal "Tavolo degli stilisti" un messaggio di coesione

Si è riunito oggi, presso la sede di Camera Nazionale della Moda Italiana a Milano, il "Tavolo degli stilisti", gruppo di lavoro che sta definendo le strategie, i tempi e la struttura del calendario delle sfilate di Milano Moda Donna per la primavera-estate 2011, in programma da mercoledì 22 a martedì 28 settembre 2010.
Al tavolo di lavoro, giunto al suo terzo incontro, hanno partecipato i rappresentanti dei grandi nomi del fashion, sotto i riflettori il prossimo autunno con il coordinamento di Cnmi, il cui obiettivo è definire per la prossima tornata di passerelle un calendario razionale e forte, spalmato su tutti i giorni, caratterizzato dall'alta qualità delle proposte e dall'energia delle numerose iniziative offerte dalla città. "Lo spirito di squadra ha permesso un nuovo modo di lavorare, che ha già dato ottimi frutti - ha commentato il presidente di Cnmi, Mario Boselli -. La presenza al tavolo dei protagonisti della settimana della moda e la sintonia con cui si è svolta la riunione hanno portato alla messa a punto di una struttura di calendario ottimale, ricco di sfilate dal primo all'ultimo giorno, con nomi imperdibili". Milano, ha concluso Boselli, conferma così la propria leadership nel prêt-à-porter alto.
Come informa una nota, tutte le griffe (comprese quelle che non fanno parte degli organi direttivi della Camera), "hanno espresso un totale e unanime apprezzamento sulla scelta di sostituire il centro di Fiera Milano Congressi con il nuovo format, basato su un network di sale sfilate".
In attesa del calendario, che verrà diffuso nelle prossime settimane, Boselli e la sua squadra anticipano alcune novità di rilievo: verranno messe in campo dal Comune molte iniziative per rendere più attrattivo il capoluogo lombardo, i défilé inizieranno tutti i giorni alle 9.30 e sarà prevista una breve pausa per il pranzo. "Tutto ciò al fine di rendere più gradevole il soggiorno in città - conclude il comunicato - e meno stressante il lavoro di tutti gli operatori moda, italiani e stranieri".
a.b.
stats