Sfilate: domani parte la maratona parigina

Sono 92 le sfilate in programma in occasione della settimana parigina della moda, al via domani, che vede tra i protagonisti dal nostro Paese Giambattista Valli, on show lunedì prossimo (nella foto, un'immagine del suo défilé alla scorsa edizione), Valentino il 10 marzo con una nuova e importante prova per il duo creativo Chiuri-Piccioli e Roberto Cavalli, che apre sabato la boutique di rue Saint-Honoré.
La kermesse ha inizio dunque domani con il défilé di Corinne Cobson, prima new entry in calendario, cui seguiranno quelli di Kris Van Assche - recentemente nominato presidente della Giuria del Festival di Hyères, dal 24 al 27 aprile - e di Gareth Pugh, che voci insistenti ma non confermate danno come possibile successore alla direzione artistica di Dior Homme, proprio al posto di Van Assche.
In scena giovedì 5 marzo il debutto di Hiroko Koshino nella Ville Lumière, oltre alle sfilate di Balenciaga e Balmain. Venerdì sarà la volta di Issey Miyake - che ha da poco inaugurato il nuovo flagship parigino in rue Royale -, Christian Dior, Vivienne Westwood, Lanvin, Maison Martin Margiela e Yohji Yamamoto.
Sotto i riflettori sabato 7 marzo le proposte di Marithé + François Girbaud - la stilista Marie-Thérèse (Marithé) Bachellerie è stata insignita il 13 febbraio del titolo di Chevalier de la Légion d’Honneur -, Comme des Garçons e Jean Paul Gaultier.
Attese per domenica le collezioni di Karl Lagerfeld - eletto designer dell’anno nell’ambito del salone Maison et Objet -, Emanuel Ungaro, Costume National, Christian Lacroix, Givenchy e Sonia Rykiel. Stella McCartney - che ha avviato la sua prima boutique nella capitale francese, presso i Jardins du Palais Royal - presenterà le proprie creazioni lunedì 9 marzo, così come Barbara Bui, Yves Saint Laurent e Giambattista Valli.
Il 10 marzo l'attenzione si concentra su Chanel e Valentino, con la regia stilistica del duo Chiuri-Piccioli. Kenzo - che ha inaugurato il nuovo flagship milanese - andrà on stage l’11, seguito da Elie Saab ed Hermès, maison che prosegue la propria espansione in Asia e negli Usa. Stessa data per Chloé - che ha aperto le porte di un nuovo store a Dubai - e John Galliano.
L’ultimo giorno, 12 marzo, sono due le griffe alla loro première parigina: Rm by Roland Mouret e Robert Abi Nader, che concluderà una giornata contraddistinta dagli show di Louis Vuitton e Miu Miu. Mancano all’appello Cacharel e Céline: quest’ultima, in particolare, che a seguito della nomina di Phoebe Philo alla direzione artistica presenterà una precollezione in giugno, annuncia un comeback per il prossimo ottobre. Quanto a Cacharel - protagonista, tra l’altro, a Milano presso 10 Corso Como, con la riedizione di alcuni modelli cult degli anni Settanta, in occasione dei 50 anni del brand -, dopo la nomina del giovane managing director Marc Ramanantsoa e la quasi concomitante rottura del sodalizio creativo con Eley Kishimoto si aprono nuovi scenari, ancora da svelare.
Tra gli eventi più attesi, l’inaugurazione il 7 marzo del monomarca Roberto Cavalli, al 261 di rue Saint Honoré angolo rue Cambon, all’interno di un elegante edificio di sette piani. Un progetto dove boutique, atelier e abitazione dello stilista si integrano in uno spazio unico, il cui progetto è stato curato dallo stesso Cavalli con la collaborazione dell’architetto Italo Rota.
v.t.
stats