Si chiude About J: positivo il bilancio di Fiera di Vicenza

Si è chiusa ieri la prima edizione di About J-The ultimate jewellery event, il salone di Fiera di Vicenza dedicato alla gioielleria di alta gamma, cui hanno preso parte 180 buyer esteri e 200 dettaglianti italiani selezionati. Secondo gli organizzatori, la riuscita della manifestazione (in scena al Superstudio Più di Milano) ha superato le più rosee previsioni.
“Il merito di About J – ha spiegato il presidente Maurizio Castro - è di aver saputo rispondere al bisogno di una rassegna dedicata all'alta gioielleria che si connota non tanto per il prezzo elevato, quanto per l'elevata creatività che incorpora”.
“Per tre giorni – ha proseguito Castro - una community di produttori, compratori e trend setter hanno condiviso non solo transazioni commerciali ma un'esperienza centrata sul gioiello e sulle sue future prospettive”.
Il format della rassegna prevedeva anche la connessione con una serie di eventi artistici, dalle esibizioni di Eleonora Abbagnato e Jean-Michel Jarre, alla mostra fotografica di Giovanni Gastel.
“Lungi dall'essere un momento di svago – ha precisato il presidente – questi appuntamenti hanno disegnato suggestioni per un gioiello sempre più al centro della voglia di raccontarsi e di inventarsi da parte di protagonisti della contemporaneità”.
Tra i buyer internazionali sono intervenuti nomi del calibro di Saks Fifth Avenue (New York), Lane Crawford (Hong Kong), Mercury e Jewellery Theatre (Mosca).
m.g.
stats