Si precisano i contorni del futuro della Thierry Mugler

Dalla Francia, dove un comitato straordinario sta esaminando il futuro della Thierry Mugler, arrivano dichiarazioni volte a controbattere le recenti speculazioni di stampa sul destino del brand. La griffe proseguirà il suo corso puntando sulle licenze.
Il gruppo dei cosmetici Clarins, che ne è proprietario, ha precisato infatti che la divisione moda Thierry Mugler con sede a Saint-Denis La Plaine ha cessato la propria attività, ma che la linea Thierry Mugler Couture, così come la pelletteria, gli occhiali e i gioielli firmati Mugler continueranno a essere realizzati su licenza.
“L’attuale licenza per il menswear con l’italiana Tombolini è stata rinnovata per altri 5 anni e ci auguriamo che Tombolini decida di seguire anche la collezione di prêt-à-porter donna", ha detto un portavoce di Clarins. Tombolini intende rilevare il negozio parigino a insegna Thierry Mugler Homme e i due in-store shop di Galeries Lafayette e Madelios.
La casa di moda francese Pierre Balmain, che secondo rumor insistenti avrebbe dovuto acquisire l’intera maison, ha rilevato in realtà solo lo stabilimento specializzato in moda donna di Angers e quattro negozi Thierry Mugler in Francia e Belgio. Tutti gli altri store saranno chiusi, fanno sapere da Clarins.
go
stats