Siviglia: a Firenze con "The stuff of dreams"

Il marchio di abbigliamento uomo, donna e bambino Siviglia è tra i protagonisti di oggi in Fortezza da Basso: presso lo stand al Padiglione Centrale è stata infatti allestita l'installazione "The stuff of dreams" ("La materia dei sogni"), una riflessione su moda e arte, al centro anche di una trasmissione sul sito www.sivigliastyle.com.
L'idea di proporre, negli stessi orari della presentazione (dalle 11.30 alle 16), un appuntamento "live web" nasce dalla volontà di dialogare con un pubblico più ampio e articolato di quello che si ritrova a Pitti Immagine Uomo. Del resto, l'iniziativa si avvale di musiche e immagini di impatto immediato, in sintonia con i metodi di comunicazione veloci ed emotivamente coinvolgenti utilizzati sul web, grazie alla sinergia tra Michel Howelles (scenografo), Ruth Hogben (regista) e Roberto Zardan (art director).
Un modo per esprimere una filosofia di prodotto contemporanea, creativa e di respiro globale, anche se dal dna autenticamente italiano. Fondato nel 2006 da Sauro Bianchetti a Marotta, in provincia di Pesaro-Urbino, il brand di total look Siviglia è passato da 175mila capi venduti in Italia nel 2007 (con 500 negozi clienti), a 400mila nel 2008, anno in cui i multimarca nella Penisola sono saliti a 650. Nel 2009 il marchio ha aperto una showroom a Milano, in via Montenapoleone 1, punto di partenza per un piano di espansione internazionale che lo ha portato a posizionarsi in 1.200 tra boutique e department store di fascia medio-alta e alta in tutto il mondo, con una particolare attenzione a Paesi come Germania, Svizzera, Austria, Emirati (Dubai), Russia, Ucraina, Grecia, Svezia, Belgio, Olanda e Corea.
La primavera-estate 2010 segnerà il debutto dell'etichetta White Siviglia, focalizzata sui pantaloni e contraddistinta dalla ricerca di purezza - espressa dall'aggettivo "White" - nei contenuti stilistici e nei materiali: peculiarità di questa new entry sarà la scelta di affrontare un solo tema a stagione.
a.b.
stats