Smi porta un po' di Cina a Milano

Proseguono le iniziative di collaborazione e scambio di esperienze tra imprese del tessile-abbigliamento italiane e cinesi. Ora è la volta della visita di una delegazione di circa 30 imprenditori e manager della Repubblica Popolare, che ha preso il via oggi a Milano, presso la Federazione Sistema Moda Italia.
Il programma degli incontri, che si svolgeranno in settimana, è stato aperto dal console cinese a Milano, Li Bin, e dal direttore generale di Smi, Gianfranco Di Natale.
“Si tratta di una iniziativa - ha ricordato Di Natale - che si svolge nell'ambito di un protocollo d'intesa sottoscritto nel 2008 tra Smi e l'omologa associazione di imprese cinese Cntac, con la partecipazione ed il sostegno del ministero dello Sviluppo Economico italiano, che opera tramite l'Ice, e del ministero del Commercio Estero cinese. Nei mesi scorsi si sono già svolte alcune visite di delegazioni italiane in Cina, con la partecipazione di nostri relatori a seminari di informazione svolti a Shanghai e a Pechino”. Nei prossimi giorni, specifici approfondimenti saranno dedicati alla situazione del settore tessile-moda nazionale, all'interscambio commerciale con il grande Paese, ma anche a temi “caldi” come il "made in" a livello italiano ed europeo, la tutela della proprietà intellettuale e il fenomeno della contraffazione.
Per fornire ai “colleghi” cinesi un quadro completo della situazione interna, non sarano trascurati anche argomenti come le risorse umane e le relazioni tra imprese, la salute e la sicurezza nei prodotti tessili, le iniziative di politica industriale a sostegno del settore e le attività di promozione delle aziende italiane in Cina.
e.f.
stats