Stati Uniti: i lifestyle center e gli stand alone store piacciono più dei mall

Secondo Wall Street Journal, la distribuzione al dettaglio statunitense sta vivendo una profonda trasformazione sull'onda di una riscoperta da parte di alcuni department store, come J.C. Penney, Sears, May e Zale, dei cosiddetti "stand alone store", ovvero punti vendita isolati, posizionati in aree generalmente periferiche. Avanzano anche i lifestyle center.
In rallentamento, invece, la corsa ai mall avviatasi negli anni Ottanta e proseguita intensamente negli anni Novanta. Solo altri nuovi 19 mall saranno costruiti, infatti, entro il 2005 in tutto il territorio statunitense, contro i 47 avviati a metà anni Novanta. Questo tipo di modello distributivo pare essere superato sia dagli stand alone store sia dai lifestyle center, che attualmente sono più di 100 in tutto il Paese, un numero che entro 2/3 anni dovrebbe raddoppiare.
Roberto Luongo, direttore rete dell'Ice per gli Usa, invita quindi le imprese italiane a riflettere sulle nuove strade da percorrere per le vendite al dettaglio. Gli stand alone store, secondo gli analisti del settore, starebbero ottenendo successo presso i consumatori poiché evitano le perdite di tempo caratteristiche dei mall, dove occorre girare parecchio per orientarsi nelle scelte d’acquisto. I lifestyle center, invece, sono sempre più apprezzati perché consentono di muoversi fra i negozi in maniera più rilassata e senza lo stress di aree vendita eccessivamente affollate.
c.mo.
stats