Stroili si quota in Borsa o passa di mano?

Era previsto entro la fine di quest’anno l’approdo in Borsa del gruppo Stroili, tra i leader in Italia nel settore della gioielleria "commerciale" con le insegne Stroili Oro e Franco Gioielli. Secondo fonti di stampa finanziarie, il gruppo starebbe in realtà valutando in parallelo la cessione e già si fa il nome di un fondo estero tra i pretendenti.
Come anticipa oggi Il Sole 24 Ore, tra i possibili acquirenti del gruppo vi sarebbe il fondo inglese di private equity Doughty Hanson. Il valore della transazione ammonterebbe a circa 210 milioni di euro, di cui 60 relativi all’indebitamento.
Il gruppo Stroili distribuisce collezioni unbranded e note griffe tra le quali D&G, Guess e Calvin Klein e, con oltre 150 negozi all’attivo e 71 milioni di euro di fatturato (risultanti dal bilancio 2004), ha in progetto di sviluppare il proprio network sia all’interno sia all’estero. Il maggiore azionista, con il 60% del capitale, è LCapital, fondo di private equity che fa capo al Gruppo Lvmh azionista anche del gruppo Burani (uno dei criteri che regolano le decisioni di investimento è infatti il lusso accessibile). Il 30% Stroili è invece in mano alla società di diritto belga Ergon Capital Partners (Parcom Ventures e Groupe Bruxelles Lambert), che investe in realtà ad alto potenziale di crescita, mentre il restante 10% è di Raffaello, fondo di Euromobiliare (gruppo Credem).
e.f.
stats