Superga: siglati nuovi accordi di licenza

Prosegue il laborioso processo di ristrutturazione industriale legato al marchio Superga, in seguito all’acquisizione nell’aprile dello scorso anno da parte di Formula Sport Group, che ha rilevato dalla Sopaf il 100% del capitale del marchio. È recente la sigla di nuovi accordi di licenza mentre si lavora al restyling delle scarpe e dell’abbigliamento.
Un percorso difficile che scaturisce dall’esigenza di rivedere le modalità operative di una struttura industriale obsoleta, che il presidente Renato Benasedo e l’amministratore delegato di Formula Sport Group, Nicolò von Wunster, stanno cercando di alleggerire e razionalizzare.
I primi frutti di questo lavoro, a livello di immagine, sono visibili dalla collezione di scarpe dell’inverno 2003/2004, presentata al Gds e all’Ispo e nata dalla collaborazione stilistica con un consulente esterno. Un’offerta che ripropone alcuni modelli classici e li rilegge con una particolare attenzione ai materiali e alle lavorazioni. “Da segnalare – spiega von Wunster a fashionmagazine.it – il ritorno in Italia della produzione per i modelli montati a freddo, che sono frutto di una partnership industriale con la Filanto e il Calzaturificio Romagnoli”. Per i vulcanizzati, invece, la realizzazione avviene ancora in Cina e Vietnam.
Quanto all’abbigliamento, si dovrà attendere la collezione estiva per coglierne la vera filosofia. Come sottolinea von Wunster, infatti, “dall’estate 2004 abbiamo affidato il design e la realizzazione dei prototipi alla Em’s, in attesa di dare la collezione in licenza quando il momento di mercato sarà più favorevole”.
Le licenze, per la precisione, sono nel mirino di Formula Sport Group, realtà con sede a Cinisello Balsamo, Milano, che distribuisce anche il marchio Umbro in Italia e Svizzera, è proprietaria di K-Way e detiene la licenza per la produzione di Anzi Besson (“per quest’ultimo è in corso la revisione del modello di business”, precisa l’amministratore delegato dell’azienda). Quanto a K-Way, il brand è stato dato recentemente in licenza per Francia, Germania e Benelux mentre per Italia, Spagna e resto del mondo la gestione resta nelle mani di Formula Sport Group.
Sempre a proposito di licenze, è stato siglato un accordo con la Oak International per la produzione e distribuzione di scarpe Superga in America del Nord e del Sud mentre la collegata Oak Europe si occuperà di realizzare una linea di pantofole Superga per il mercato europeo. Nel frattempo sono state concluse partnership con il Gruppo Pezzol per la produzione di scarpe anti-infortunistica con marchio Superga Solid, con la Compagna delle Pelli per la valigeria e con la Giochi Preziosi per gli articoli scolastici. Sono in corso invece trattative per introdurre in Cina, Giappone e Australia i marchi Superga e K-Way. Per quest’ultimo si lavora anche a un progetto di lancio del footwear.
Sempre per il futuro, von Wunster annuncia la chiusura della vecchia sede Superga di Torino, ma solo quando il piano di ristrutturazione arriverà a termine. Allora si creerà un headquarter vicino a Milano, con un’ottica di design lab. Con l’esercizio che si conclude il 30 aprile prossimo, Superga dovrebbe fatturare un totale di 30 milioni di euro, in calo rispetto ai 39 milioni dell’esercizio precedente. Una discesa fisiologica, spiega von Wunster, che deriva dalla ristrutturazione in corso alla quale, fra l’altro, ha fatto seguito la chiusura di tutti i monomarca Superga.
c.me.
stats