Svelato il nuovo store milanese di Tom Ford

Svelato ieri sera dopo tanta attesa il nuovo store milanese di Tom Ford in via Verri al 3: oltre mille metri quadri - creati dallo stilista in collaborazione con l’architetto William Sofield - suddivisi in cinque piani che rappresentano il trionfo del lusso sia nell’arredamento sia nell’offerta.
Al negozio si accede tramite una facciata a specchi che si apre sulla reception tappezzata da pannelli in pelle scamosciata grigia e pavimenti in marmo grigio di Carrara: dietro a un bancone in bronzo lucidato forgiato a mano spicca un’opera dell’artista tedesco Anselm Reyle, creata apposta per la boutique.
Sulla destra si apre una stanza dedicata alla profumeria dove il mix di marmo bianco italiano, vetro e specchi creano un’atmosfera da farmacia moderna ed elegante: qui può capitare di vedere il profumiere che prepara su un grande tavolo di pietra le miscele di essenze ordinate dai clienti.
Sul retro della reception parte una scala sospesa con balaustra in ebano e la parte centrale in specchi di colore grigio che porta ai piani superiori, in un crescendo di lusso che si esprime nei sontuosi materiali utilizzati, nelle opere d’arte antica e moderna, negli ampi camerini e, nell’assortimento abiti sartoriali (prodotti da Zegna e indossati anche da Daniel Craig nel prossimo film della saga del leggendario 007 James Bond) e preziosi accessori fatti in Italia.
“Tutti i nostri prodotti sono made in Italy - ha detto il bel Tom, che è apparso più in forma che mai - a partire dai completi su misura e dalle nostre camicie realizzate a mano fino alle scarpe e alle valigie. La creazione di una sede a Milano per ospitare la collezione completa è stata una parte importantissima della mia visione sin dalla nascita del mio marchio”.
Questo di Milano è primo flagship in Europa direttamente gestito dalla maison dello stilista texano (che già segue senza intermediari quello di Madison Avenue a New York) e va ad aggiungersi ai negozi già avviati, oltre che nalla Grande Mela, a Osaka, Zurigo e San Paolo, mentre sono in arrivo altre boutique a Puerto Banus (in Spagna), Mosca, Baku (in Azerbaijan), a Istanbul, Hong Kong, Las Vegas, San Francisco, Atlanta, Toronto, Dubai e in Qatar.
c.mo.
stats