Tessile-abbigliamento: il Biella Master si rinnova e prepara nuove figure "trasversali"

La Fondazione Biella Master delle Fibre Nobili continua a operare con l’obiettivo di mantenere integra la filiera produttiva e in quest’ottica amplia gli orizzonti. Con il Biella Master si propone di sviluppare e competenze trasversali alle diverse fasi, dalla produzione alla distribuzione, con uno sguardo all’estero.
Il prossimo giugno parte un primo corso propedeutico, al termine del quale sarà selezionato un ristretto numero di candidati (sono 37 i diplomati dal 1989, anno della nascita del master), che parteciperanno al master vero e proprio, a partire da settembre, per un totale di 16 mesi.
Tutti gli studenti del corso, che è post-universitario, beneficeranno di una borsa di studio di 18 mila euro. I borsisti avranno quindi l’opportunità di alternare a studi teorici stage in azienda, per apprendere tutte le fasi della realizzazione di un capo di abbigliamento e della distribuzione. La formazione si svolgerà anche in aziende straniere, che sostengono il master quali partecipanti alla Fondazione, insieme a numerosi altri nomi del tessile-abbigliamento italiano. In Australia e Nuova Zelanda, per esempio, gli studenti andranno alla scoperta dell’allevamento degli ovini, fino alla selezione e alla vendita delle lane. In Giappone, Stati Uniti e Germania, invece, potranno studiare i sistemi e le tecniche di marketing che contraddistinguono i rispettivi mercati, presso i maggiori department store e centri d’acquisito.
“La vera specializzazione del made in Italy, quella che ancora nessuno è riuscito a imitare, è l’integrità della filiera e l’articolazione in sistemi locali capaci di innovare, in ciascuna fase del processo produttivo e distributivo - spiega l’imprenditore tessile Luciano Barbera, che ha voluto il corso dalla fine degli anni Ottanta -. Da questa consapevolezza, che da sempre ha guidato la nostra attività, oggi traiamo la convinzione che la Fondazione possa giocare un ruolo propositivo anche nell’ambito della politica economica, portando alla luce la sua esperienza e le sue idee”.
e.f.
stats