Tessitura Pontelambro: passa di mano il 70% del capitale

Investimenti e Sviluppo ha ceduto il 70% delle quote (dal 75,13%) detenute in Tessitura Pontelambro alla società pratese Beste, già fornitore dell'azienda di Erba per lavorazioni di tintura e di finissaggio. Il nuovo azionista esclude il delisting dal Mac.
“Questa - ha commentato Giovanni Natali, a.d. di Investimenti e Sviluppo - è una tipica operazione che porta vantaggi a tutte le parti coinvolte. Per la Beste si tratta di un passo verso la verticalizzazione che, nell'ottica di una strategia di crescita, potrebbe portare a una quotazione in Borsa per sostenere un'ulteriore espansione sul mercato. Per Tessitura Pontelambro e i suoi azionisti, il valore aggiunto consiste nell'avere un socio di maggioranza industriale dello stesso settore, anziché una holding di partecipazioni. Investimenti e Sviluppo, infine, ha portato a termine una tipica operazione di valorizzazione”.
Il prezzo medio dell'offerta, lo ricordiamo, è di 4,14 euro per azione. L'operazione genererà per Investimenti e Sviluppo, che svolge attività di acquisizione e advisory per operazioni di finanza straordinaria, una plusvalenza di 5,5 milioni di euro.
Fondata nel 1992, Beste è specializzata nel finissaggio e nobilitazione di tessuti per abbigliamento di fascia alta. Con un giro d'affari annuale di 37 milioni di euro, è anche attiva con una propria linea a etichetta Corpo che, pur essendo stata lanciata tre anni fa, è arrivata a coprire il 36% dei ricavi.
Tessitura Pontelambro, attiva nella produzione di tessuti in lino e cotone di alta gamma, ha chiuso il 2007 con un fatturato di 14,5 milioni di euro. Da quasi un anno è quotata sul mercato Mercato alternativo del capitale (Mac).
e.f.
stats