Texworld apre i battenti al Parc des Expositions di Parigi-Le Bourget

Dopo Munich Fabric Start a Monaco (+7% i visitatori) e, a casa nostra, Milano Unica (+2%), il tessile torna sul banco di prova a Parigi. Oggi prende, infatti, il via al Parc des Expositions di Parigi-Le Bourget il salone Texworld, che gli organizzatori di Messe Frankfurt France stimano possa attrarre 14mila visitatori.
Oltre 800 le aziende espositrici a Texworld, salone da sempre a forte vocazione internazionale, di cui 125 newcomer provenienti soprattutto da Paesi quali Turchia, India, Cina, Giappone e Corea del Sud. Resta invece estremamente limitata la presenza italiana, anche se, secondo il presidente Michael Scherpe, le imprese del nostro Paese potrebbero trovare “validi spunti competitivi” sia in questa manifestazione fieristica sia in Apparelsourcing, nuova piattaforma internazionale di Messe Frankfurt dedicata al sourcing di abbigliamento e accessori moda, che si tiene nella stessa location e nelle stesse date di Texworld.
Tra le novità di questa edizione, uno speciale “Sustainability Day”, che domani sarà dedicato ai tessuti “green” e al loro specifico mercato. Per quanto riguarda le tendenze si segnala lo spazio Texworld Forum Trend curato da Louis Gérin e Grégory Lamaud, giovani art director della rassegna, nonché designer del brand Les Garçons. Sette stilisti dell’associazione parigina Fre(n)sh Fashion Committee, sponsorizzati da alcuni espositori, presentano invece le loro proposte nell’area Fabric Experience. Attese anche per le creazioni di Tristan Lahoz, che in Francia ha vinto il premio Best Man Collection al Dinard International Festival of Young Fashion Designers.
Tra i prodotti in vetrina spiccano, come ha anticipato Scherpe in un’intervista rilasciata a Fashion n.1802 del 9 settembre, mischie e alternative al cotone, nonché proposte eco-friendly. In parallelo con la crescente sensibilità del consumatore nei confronti di temi quali la sostenibilità e l’ambiente e il desiderio di maggiore autenticità, non mancano le fibre naturali. In primo piano anche tessuti dall’alto valore aggiunto o rari, come quelli ricamati o tinti con colori naturali.
e.f.
stats