"The Protégé Project" fa tappa a Tokyo e a Sydney

Kristian Aadnevik, Sandra Backlund, Jean-Pierre Braganza, Ioannis Cholidis e Julian Louie (giovani talenti scoperti grazie all'iniziativa "The Protégé Project", nata in seno all'associazione Australian Wool Innovation) sono protagonisti di due eventi a Tokyo e a Sydney.
Filo conduttore delle proposte di Aadnevik, Backlund, Braganza, Cholidis e Louie - segnalati da cinque big della moda, ossia Karl Lagerfeld, Donatella Versace, Paul Smith, Francisco Costa per Calvin Klein e Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia - è l'utilizzo creativo della lana merino australiana: una fibra i cui produttori trovano un fondamentale punto di riferimento nell'Australian Wool Innovation.
Lanciato a giugno 2007 e concretizzatasi il 10 gennaio scorso con una sfilata durante Pitti Immagine Uomo a Firenze, "The Protégé Project" è ora al centro di un roadshow, la cui prossima tappa sarà Tokyo, dove il 21 e 22 aprile andrà in scena un'esposizione all'interno dello spazio L'Eclaireur. Il 30 aprile sarà la volta di Sydney: in occasione della kermesse Rosemount Australian Fashion Show sarà allestito un défilé in collaborazione con Vogue Australia, che porterà in pedana anche un new talent locale, Ben Pollitt. Quest'ultimo, stilista del brand Friedrich Gray e vincitore de L'Oréal Melbourne Fashion Festival Designer Award, ha tutte le carte in regola per diventare il sesto componente della squadra del "Protégé Project".
a.b.
stats