Tod’s triplica i dividendi agli azionisti

Redditività in forte crescita per il gruppo Tod’s cha archivia il 2001 con un utile netto quasi raddoppiato rispetto al 2000 a quota 36,8 milioni di euro. Le rete di negozi a controllo diretto fra gli aspetti che hanno contribuito al risultato. Nello specifico il margine operativo lordo è aumentato del 31,5% a 80,6 milioni di euro, mentre il risultato operativo ha messo a segno un progresso del 40% attestandosi a 56,1 milioni di euro: la redditività delle vendite è così passata al 17,6% rispetto al 15,9% del precedente esercizio. Ciò ha consentito di premiare gli azionisti, ieri in assemblea, con una cedola quasi triplicata, da 0,13 a 0,35 euro per azione. La famiglia Della Valle, come pubblicato da fashionmagazine.it in data 24 aprile, ha ridotto recentemente la propria partecipazione al 62% circa della società, cedendo agli investitori istituzionali una quota pari al 9,4% al fine di aumentare il flottante e la liquidità del titolo. Sul fronte strategie le linee guida della società rimangono focalizzate sull’espansione della rete distributiva, sulla penetrazione nei mercati esteri e sull’ampliamento della gamma di prodotti. Per il 2002 sono previste 25 nuove aperture così da elevare la rete a gestione diretta a 75 punti vendita nel mondo. Datata 23 aprile scorso è l’inaugurazione della prima boutique Tod’s a Mosca. Il piano di espansione commerciale mira a rafforzare, nelle intenzioni del gruppo, anche il processo di internazionalizzazione dei brand Hogan e Fay. Contestualmente Tod’s desidera proseguire nella politica di ampliamento della gamma di prodotti: per Hogan verrà ulteriormente sviluppata la linea pelletteria, mentre l’offerta Fay sarà arricchita con una nuova proposta di abbigliamento e la creazione di accessori in pelle. Allo studio inoltre progetti per l’utizzo dei marchi nel settore occhiali. A supporto dello sviluppo futuro il gruppo ha avviato la costruzione di un nuovo stabilimento produttivo a Sant’Elpidio a Mare nelle Marche che comporterà nel biennio 2002/2003 un investimento di 15 milioni di euro circa.
e.a.
stats