Tommy Hilfiger approda sulla Fifth Avenue con il flagship più grande

Il 17 settembre, giorno di chiusura della fashion week newyorkese, sarà anche il Tommy Hilfiger day. La sfilata della griffe chiuderà la manifestazione alle 20 e, a seguire, al 681 della Fifth Avenue si terrà il cocktail di inaugurazione del più grande monomarca del brand. Un flagship di quasi 2.050 metri quadri su cinque livelli, dedicato all’universo della griffe (nella foto un rendering della boutique).
A quasi 25 anni dalla fondazione della società, creata nel 1985, Tommy Hilfiger approda nella prestigiosa arteria newyorkese con il primo punto di riferimento globale nella Grande Mela. Un grande spazio ispirato a un’idea di modernità che incontra la tradizione, progettato dal team creativo di Tommy Hilfiger in collaborazione con lo studio di architetti Callison. Elemento catalizzatore la scalinata centrale, che somiglia a una scultura fluttuante. “Si tratta di un’importante mossa strategica per promuovere tutti i nostri sforzi verso un’ulteriore crescita del marchio, sia sul mercato internazionale che su quello statunitense”, spiega Fred Gehring, amministratore delegato del Gruppo Tommy Hilfiger. “Il valore simbolico della Fifth Avenue la rende la sede perfetta per tutte le nostre collezioni”, puntualizza Tommy Hilfiger, che a questa apertura annette il valore iconico di una ripresa dell’economia statunitense e di un ritorno all’enfatizzazione della cultura americana.
Con una superficie di vendita di oltre 1.070 metri quadri, la boutique occupa cinque livelli di un edificio dove trovano posto tutte le linee della griffe, più alcune proposte realizzate in esclusiva per lo store. È il caso della Fifth Avenue Pink Collection Tommy Hilfiger, che comprende capi di abbigliamento e accessori rigorosamente in rosa. Molto curati anche i servizi retail, quali sartoria e shoe polish, cui si aggiungono iniziative mensili come visite di celebrity e prove di abiti su misura. Nel piano inferiore c’è un caffé con angolo pasticceria, dedicato ai dolci tipici americani.
c.me.
stats