Touch!, NeoZone e Cloudnine: i saloni di Pitti a Milano totalizzano oltre 5.400 buyer

Sono stati oltre 5.400 i compratori intervenuti a Touch!, NeoZone e Cloudnine, i saloni della moda donna che si sono conclusi ieri in via Tortona dopo tre giornate di lavoro. Il tasso di presenze internazionali è stato del 25% circa, con ottimi risultati dal Giappone (+18% rispetto all’ultima tornata), che si conferma in testa alla classifica dei Paesi esteri.
“Siamo molto soddisfatti di questa edizione di Touch!, NeoZone e Cloudnine – afferma Agostino Poletto, vice-direttore generale di Pitti Immagine -. La scelta di concentrare i saloni in tre giorni ha funzionato benissimo: ha permesso ai buyer internazionali di rendere più funzionale il loro lavoro a Milano e ha facilitato le aziende stesse, che hanno avuto flussi di presenze più costanti e omogenei”.
“Complice la situazione internazionale difficile per un po’ tutti i mercati più importanti, certamente i numeri complessivi dei visitatori ne hanno un po’ risentito (alla scorsa edizione gli ingressi erano stati circa 6mila, ndr) – ha aggiunto Poletto -, ma la qualità delle presenze è stata comunque alta, con la partecipazione di tutti i più importanti top buyer, sia dall’Italia, sia dall’estero”.
Un ottimo risultato, secondo Poletto che, introducendo una vena polemica in chiusura della settimana della moda a Milano, puntualizza: “Chiunque in questo momento dichiari un segno più nei numeri, sbaglia a contare”.
e.a.
stats