Un anno in rosso per Escada in attesa della ristrutturazione

Risultati annuali all’insegna di un brusco calo di fatturato e perdite sostanziali per la fashion house tedesca Escada. Il gruppo attribuisce il rosso di bilancio al processo di ristrutturazione in corso, sostenendo che la struttura finanziaria generale ha comunque retto negli ultimi dodici mesi. "Dopo un anno difficile, siamo di nuovo in pista", ha dichiarato infatti Wolfgang Ley, ceo di Escada.
Nell’anno fiscale terminato il 31 ottobre, la Casa di moda con sede a Monaco di Baviera ha registrato una perdita netta di 75 milioni di euro rispetto al risultato positivo per 4,4 milioni di euro di un anno fa. Escada imputa la forte disparità di risultato ai 42 milioni di euro di spese eccezionali sostenute, di cui 26,5 milioni per la ristrutturazione. L’utile lordo è calato dell’89% a 6 milioni di euro. Il fatturato nell’anno è sceso del 20% a 621 milioni di euro.
Il debito è stato ridotto di 100 milioni di euro e attualmente ammonta a 204 milioni di euro. Il gruppo ha deliberato, inoltre, un aumento di capitale di 91 milioni di euro e l’emissione di un bond convertibile.
Nell’anno fiscale corrente, Escada programma un taglio di costi di 40 milioni di euro e di ulteriori 20 milioni nell’anno successivo. Nell’ambito della ristrutturazione si colloca la recente vendita della partecipazione nella fashion house francese e il taglio di 850 dei 4.500 posti di lavoro nel mondo.
me
stats