Valentino Fashion Group ha un nuovo cda ed esclude la fusione con Hugo Boss

Nuovo consiglio di amministrazione per Valentino Fashion Group. Le nomine, votate oggi dall’assemblea degli azionisti, confermano le proposte depositate dal vecchio cda lo scorso 25 novembre.
Cinque gli amministratori indipendenti: Roger Abravanel, Sergio Erede, Sergio Meacci, Amato Luigi Molinari ed Enrico Valdani. Oltre a loro, fanno parte del cda Antono Favrin (confermato alla presidenza), Andrea Donà dalle Rose (confermato vicepresidente), Roberto Notarbartolo di Villarosa e Dario Segre.
Nei progetti del gruppo, come ha annunciato il presidente Favrin, c'è la volontà di concentrarsi sullo sviluppo dei brand esistenti, piuttosto che mettere in campo azioni straordinarie. Esclusa dunque, almeno nel breve termine, l'ipotesi di fusione con il marchio Hugo Boss, di cui si era vociferato nei mesi scorsi.
Favrin ha anche fatto sapere che VFG conta di chiudere l'esercizio in corso con un fatturato in crescita del 10-12%.
L’assemblea riunitasi oggi ha anche approvato la conversione in azioni ordinarie di tutte le azioni di risparmio convertibili e non convertibili in circolazione, nel rapporto di uno a uno. Al primo dicembre risultano convertiti oltre due milioni di azioni di risparmio, mentre ne restano ancora da convertire circa 3,6 milioni.
g.m.
stats