Valleverde raddoppia in Cina

Attraverso accordi con partner della distribuzione locali il marchio romagnolo ha già aperto un punto vendita a Shanghai e si prepara a replicare a Pechino. Anche Stonefly si rafforza nel Paese orientale. "Grazie agli ottimi rapporti che abbiamo con i proprietari di shop center in Cina abbiamo già aperto un punto vendita Valleverde a Shanghai e, a giorni, ne inaugureremo uno a Pechino", spiega Armando Arcangeli, titolare del calzaturificio romagnolo, capofila di un gruppo che nel 2001 ha realizzato circa 300 miliardi di lire di fatturato, di cui 220 realizzati da Valleverde, la restante parte imputabile al marchio Sanagens. "Questi centri commerciali - ha proseguito - puntano a prodotti made in Italy di qualità e ci hanno messo a disposizione 200-300 metri quadrati di spazio per la vendita delle nostre scarpe". Di recente un altro marchio calzaturiero ha messo un piede nel Paese orientale. Stonelfy, azienda di Casella d'Asolo (Treviso) ha siglato un accordo con Hcl-Cosa Lieberman che già distribuisce il marchio veneto a Hong Kong e Taiwan. Grazie all'intesa, Stonefly prevede di raggiungere nell'area asiatica ricavi per 12 milioni di euro nel 2005.
m.d.p.
stats