Vendite stazionarie ma utili in ascesa per Luxottica

Fatturato in crescita del 5,2% a 2.463,6 milioni di euro e utile netto salito del 16,5% a 297,7 milioni di euro: questi i risultati del gruppo Luxottica nei primi nove mesi del 2002. Lo ha annunciato ieri la società guidata da Leonardo Del Vecchio, precisando che solo nel terzo trimestre dell’anno in corso l’utile netto ha registrato un +23,7% sullo stesso periodo del 2001. Considerando separatamente le due principali divisioni in cui il gruppo si struttura, il fatturato generato dalle attività di produzione e distribuzione all’ingrosso è stato pari a 889,2 milioni di euro nei primi nove mesi del 2002, pressoché invariato rispetto al medesimo periodo del 2001. Per quanto concerne, invece, l’apporto determinato dalla commercializzazione al dettaglio l’incremento delle vendite nel terzo trimestre, a parità di negozi, è stato dell’1,9%, mentre con riferimento ai primi nove mesi dell’anno le stesse sono stazionarie. Commentando i risultati Leonardo Del Vecchio, presidente del gruppo, ha detto: “Le preoccupazioni per la debolezza della crescita economica hanno ulteriormente frenato i consumi a livello mondiale. Tuttavia, i risultati conseguiti ci consentono di guardare al futuro con una certa fiducia”. “Nel terzo trimestre – ha aggiunto Del Vecchio - nonostante un calo di fatturato imputabile all’indebolimento del 10% del dollaro e al perdurare di uno scenario economico sfavorevole, siamo comunque riusciti a raggiungere gli obiettivi che ci eravamo prefissati, grazie soprattutto all’impegno del management verso un attento controllo dei costi aziendali in entrambe le divisioni”.
e.a.
stats