Versace: riapre la boutique di Roma

Riapre i battenti oggi, completamente rinnovato, il negozio monomarca romano di Versace. La boutique, in via Bocca di Leone 26, si estende su una superficie di 262 metri quadrati distribuiti su due livelli e accoglie le linee Versace Donna e Uomo, Versace Home Collection, Versace accessori (compreso l’eyewear) e Versace Precious Items.
Il restyling ha puntato a creare un concept moderno, essenziale ed elegante: gli elementi architettonici riprendono gli stessi canoni stilistici dello store milanese, recentemente rinnovato, e vedono l’inusuale combinazione di elementi come il marmo color crema per il pavimento, lo stucco “Marmorino” color grigio chiaro per le pareti e il bianco opaco per i soffitti. Per gli arredi sono stati scelti materiali come il legno laccato nero e cristallo extrachiaro, tipo “Antelio”.
Il lavoro di ristrutturazione ha voluto conservare, attraverso il restauro dei pavimenti a mosaico originali e le decorazioni murali, la memoria dell’azienda, rispettando gli elementi peculiari dello spazio e mixandoli con i nuovi elementi di modernità.
La boutique è costituita da due spazi separati in cui si venderanno da un lato le prime linee Versace Donna e Uomo e Versace Home Collection e, dall’altro, in un contesto creato appositamente, Versace accessori (compresi gli occhiali) e Versace Precious Items.
Questa sera Donatella e Santo Versace, insieme a Giancarlo Di Risio, faranno gli onori di casa al cocktail per il quale sono attesi circa 400 ospiti, tra cui clienti del negozio, rappresentanti della stampa, vip e amici della maison.
L’evento di riapertura della boutique è legato al Breast Health Institute, la fondazione benefica che si occupa dello sviluppo della ricerca e della cura del tumore alla mammella, per la quale Donatella Versace sarà testimonial da questo mese per tutto il 2006, primo anno di campagna sociale. “Dal 15 al 22 dicembre – spiega una nota della società - parte dei proventi delle vendite dello store sarà devoluta all’istituzione americana a sostegno dei suoi progetti di supporto ai migliori oncologi, per mantenere gli standard di ricerca ai primi posti nel mondo e di educazione delle donne alla prevenzione”.
a.t.
stats