Vf Corporation taglia mille posti di lavoro e sposta la produzione in Messico

In vista un migliaio di licenziamenti per Vf Corporation, che ha deciso di trasferire parte dell'attività produttiva dal El Paso in Texas al Messico entro la fine dell'anno. La vicenda della società americana conferma le ultime statistiche Usa, che evidenziano una flessione dell'occupazione nel settore tessile-abbigliamento.
Vf Corporation ha dunque in programma di chiudere due unità produttive, allo scopo di tagliare i costi ed essere più competitiva sul mercato. Ma la delocalizzazione non sarà certo indolore. Nei prossimi mesi il gruppo statunitense che possiede tra gli altri i marchi Lee, Wrangler, Eastpak, Vans, Napapijri e Nautica, procederà al ridimensionamento dell'organico, tagliando un migliaio di posti di lavoro.
Una decisione che pone l'accento sul problema del progressivo calo dell'occupazione nell'ambito nel settore tessile-abbigliamento in America. Secondo i dati diffusi dal sito dnrnews.com, nel mese di agosto il comparto avrebbe accusato una flessione di 2.800 posti, mentre a luglio i licenziamenti sarebbero stati circa 3.200. Nel giro di un anno dall'agosto 2003, il numero di lavoratori assunti sarebbe passato da 726.500 agli attuali 696.500, mentre dal gennaio 2001, mese in cui si insediò George W. Bush alla Casa Bianca, l'industria tessile ha perso 163.200 posti di lavoro.
v.s.
stats