WP Lavori in Corso: nasce Woolrich Woolen Mills, alla riscoperta della tradizione americana

Esordio a Milano, martedì 17 gennaio, per Woolrich Woolen Mills, il nuovo progetto Woolrich che nasce dal desiderio di creare capi unici ispirati alla tradizione manufatturiera americana. Una mini-linea uomo di 32 modelli rivolta a un target alto, presentata alla galleria Lorenzelli di corso Buenos Aires con la collaborazione di sette giovanissimi artisti.
“Si tratta di articoli dalla singolare immagine anacronistica, con cui si è puntato a salvaguardare la cultura tecnica del prodotto, grazie anche al paziente lavoro dello stilista giapponese Daiki Suzuki, specializzato come ricercatore nell’universo dei capi outerwear americani”, spiega a fashionmagazine.it Andrea Cané, direttore creativo per tutte le linee distribuite da WP Lavori in Corso, legata da una serie di accordi di licenza con Woolrich.
Tutti i capispalla della nuova linea sono made in Woolrich, a partire dal tessuto in lana fino al capo finito (per i parka in nylon/cotone il tessuto viene acquistato all’esterno). Per la cronaca, Woolrich è un piccolo paese in Pennsylvania che si è sviluppato intorno alle attività di tessitura laniera dell’azienda nata nel 1830, cui si è aggiunta negli anni Quaranta la confezione. Si tratta di un’affascinanate realtà che lavora a ciclo completo a partire dalle terre, passando per le greggi fino ad arrivare al tessuto e al prodotto finito. Per quanto riguarda gli altri articoli in collezione (camiceria, pantaloni e maglieria), tutto è realizzato con tessuti americani (tranne il denim, made in Japan) ma la confezione avviene in Italia. Filo conduttore dell’intera produzione, la cura artigianale del prodotto e il fatto che ogni capo abbia una propria storia, un proprio uso e una funzionalità specifica.
Rivolta a una distribuzione di target alto (fra i clienti, Beams e Isetan a Tokyo, Bergdorf Goodman a New York e il meglio del panorama europeo ancora in fase di accordi), la collezione ha un target di prezzi al pubblico che va dai 379 ai 670 euro del capospalla e dai 120 ai 140 dei pantaloni, per citare alcuni esempi. “Prezzi elevati ma non stratosferici – spiega Cané – se si considera il pregio del tessuto e delle lavorazioni”. “Obiettivo di questa iniziativa, posizionare in alto il marchio e portarlo a livello mondiale - aggiunge Cané -. È in via di definizione, infatti, una new company per la distribuzione mondiale delle linee Woolrich sviluppate da WP”.
Oggi WP Lavori in Corso ha un rapporto molto articolato con la Woolrich, che si può schematizzare così: esistono un contratto di distribuzione relativo agli articoli made in Usa per tutta l’Europa (lo storico Artic Parka è realizzato negli Stati Uniti) e una master licence che vede l’azienda italiana titolare del marchio nel Vecchio Continente, mentre è in via di definizione la new company di cui sopra.
c.me.
stats