White rafforza la propria componente creativa e internazionale

Tutte le novità del salone White, che andrà in scena al Superstudio Più di via Tortona dal 27 febbraio al primo marzo, sono state presentate dai vertici di Efima e da Massimiliano Bizzi (curatore del progetto) nel corso di un incontro stampa tenutosi ieri a Milano. Creatività e internazionalità sono le parole chiave della rassegna, che per la prima volta potrà avvalersi delle sinergie con il nuovo appuntamento della settimana della moda donna neoZone.
White punta sulle collezioni di prêt-à-porter e accessori di 131 designer, il 30% circa dei quali alla loro prima apparizione sul palcoscenico milanese della moda d’avanguardia.
Fra gli italiani si segnalano i marchi Aghy Bell’s, Golden Goose, Ysack by Piero Ferragina e le calzature di La Poudre Dans Les Yeux. Dalla Francia arrivano, fra gli altri, i capi di Chez Hai, GX2, 0044 e Kimonosolo. Dall’Inghilterra Funmi, dalla Danimarca la linea di gioielli Julie Sandlau, da Cipro l’abbigliamento in pelle di Afroditi Hera.
Ancora: dagli Usa il cashmere firmato CF1, le T-shirt anni Cinquanta di Disney Vintage, i capi di F.A.L.–Jeffrey Grubb, Henry Duarte e i nuovi jeans di Citizens Of Humanity. Inoltre, in mostra ci saranno le proposte di Doma dall’Argentina, quelle di Ae’Lkemi dall’Australia e di Eley Kishimoto dal Giappone.
Ci saranno poi le 15 new entry di Inside White, il contenitore riservato alla sperimentazione più avanzata, che concorreranno all’Inside White Award, premio assegnato da una giuria di buyer e giornalisti che sarà celebrato durante il White Fashion Party al Billy Club sabato 28 febbraio.
Ma il carnet di eventi targati White non si esaurisce qui: venerdì 27 alle 19 sfilano a White le creazioni di Angelos Frentzos, sabato 28 alle 19.30 sarà di scena un progetto di Angelo Figus per Fiat Idea e domenica 29 alle 19 ci sarà la sfilata Collection Priveè?
e.a.
stats